domenica 14 ottobre 2018

Mistero in giallo

In questi giorni ho iniziato a scrivere il terzo episodio di Saverio Sorace, a dire il vero ho iniziato da un po' ma vado a rilento. E sapete perché vado a rilento? Ma perché la scrittura è difficile, come dice il titolo di un libro di Marco Freccero. 
Che ci vuole a scrivere, metti insieme una parola dopo l'altra ed è fatta, no?
L'ispirazione ti colpisce dritto in mezzo agli occhi e scrivi duecento pagine in un battibaleno.
La maggior parte della gente lo pensa e, mi tocca ammettere, io stessa prima di buttarmi a capofitto in questa avventura avevo un'idea molto più romantica della scrittura: nei miei sogni venivo "scoperta" da un grande editore e poi passavo la vita in una villa in riva al mare, un po' isolata, lontana dal logorio della vita moderna e impiegavo tutto il tempo a scrivere il mio capolavoro, mentre il mio editore restava in trepidante attesa. Ecco, questo ogni tanto nei film lo vediamo, nella vita no, almeno non nella mia.
E quindi torniamo su questa terra.
Il mistero dà fuoco e tensione a ogni nostra parola. Thomas Mann

Bene, un giorno parlavo con il mio più importante beta reader, il mio compagno, colui che affliggo con le mie storie e lui mi dice: dovresti leggere uno dei romanzi di Joe Nesbo o di Camilla Läckberg. Da quando ha visto il film "L'uomo di neve" è un fan di Joe Nesbo, anche se non ha letto i suoi libri.
Anch'io non ho letto nulla nè dell'uno nè dell'altra (sono fissata e leggo degli autori italiani perché penso di poter imparare meglio da loro, senza il filtro della traduzione) vado subito su iBooks e controllo i libri di Camilla Läckberg, soprattutto perchè una delle mie beta reader ha letto tutti, ma proprio tutti, i libri di questa autrice e scopro che c'è un bellissimo saggio edito da Marsilio intitolato "A scuola di giallo" scritto da lei, sottotitolo "Guida in sette passi di aspiranti scrittori di gialli", l'ebook si può scaricare gratuitamente (non solo su iBooks ma anche su Amazon)  cosa che io ho fatto immediatamente. L'ho letto in una notte.
È abbastanza breve, si legge velocemente, non è un tomo di 800 pagine, ma contiene dei suggerimenti interessantissimi. Ma sapete qual è la cosa interessante? Molti suggerimenti dati dalla grande scrittrice è che alcuni li conoscevo già (senza aver letto manuali) quindi sono rimasta sorpresa e piacevolmente colpita. Vabbè smetto di gongolare e ve li racconto.
La parte interessante è nella premessa: l'autrice afferma che non esistono formule magiche per scrivere, la cosa importante è iniziare a scrivere perché scrivere è 1% ispirazione e 99% sudore, ma è proprio quello che pensavo anch'io! Ed è quello che penso ancora di più negli ultimi tempi in base alla mia esperienza. Mi é capitato più volte di mettermi davanti al pc a scrivere e sudare le famose sette camicie per scrivere due paginette stringate con estrema fatica e sudore, tanto sudore. Poi ogni tanto arriva anche il momento in cui si scrive più facilmente, ma il settanta per cento del romanzo lo scrivo sudando.
Comunque eccovi alcuni consigli.

Per scrivere un giallo bisogna considerare le quattro M (in inglese) 
Murder, delitto
Motive, movente 
Mean, arma
Moments of opportunity, occasione.

In pratica bisogna conoscere bene l'assassino e il movente, il tempo e il luogo della storia e intorno a questi elementi costruire la trama. Dei personaggi interessanti e complessi completano il quadro. 
L'autrice consiglia anche di leggere alcuni gialli, possibilmente già letti, in modo da focalizzarsi su questi elementi cercando di individuare le quattro M. 
L'ossatura del romanzo è composta da movente, assassino e un modus operandi, l'ossatura può essere rimpolpata poi con un po' di ciccia, prima di tutto la tensione, altro elemento fondamentale in un giallo che serve a non annoiare il lettore e a spingerlo a leggere pagina dopo pagina senza mai staccarsi (o quasi). 
Per costruire la tensione esistono diversi trucchi, variare l'ambientazione esterna, città, paese e cultura, incuriosendo il lettore; variare l'ambientazione interna, pensieri, idee e osservazioni dei vari personaggi, cambiando spesso il punto di vista degli stessi. Ovviamente una regola importante che io ho già applicato, più o meno coscientemente, nei miei primi due romanzi è quella del depistaggio: creare diversi sospettati, ognuno di loro potrebbe essere l'assassino, perché ha un movente grande come una casa o perché, si scopre avere un falso alibi, oppure perché ha un segreto del passato.
 Il depistaggio porta il lettore verso una direzione sbagliata e crea una notevole tensione. 
Un'altra tecnica citata (che applico già, senza sapere come si chiamava, ma è sempre bene ricordarsene)  è la tecnica del cliff-hanger. Avete presente quando l'episodio di un telefilm finisce nel momento clou di una scena d'azione? 
Clif-hanger significa, letteralmente, legato a una cima, quando il personaggio resta appeso a una parete rocciosa e sembra poter cadere da un momento all'altro, un episodio di una serie Tv che finisce in questo modo ti costringe a vedere l'episodio successivo per sapere come è andata a finire. Nei romanzi gialli il Cliff-hanger si applica alla fine di un capitolo (non tutti sennò al lettore viene un infarto, ma deve essere distribuito ad arte lungo tutto il libro).
Tensione e mistero vanno bene, ma servono anche dei personaggi interessanti, ben caratterizzati che possano catturare la simpatia del lettore, questo per i personaggi secondari, ma il lavoro più importante va ovviamente dedicato al personaggio principale. E qui ci sono varie scelte: il protagonista principale può essere un poliziotto, un investigatore privato, un medico legale, persone che, per il lavoro che fanno, vengono coinvolti direttamente nelle indagini. Oppure il protagonista può essere non un "professionista" ma un personaggio dotato di curiosità e doti di intuito innati portati a investigare: un giornalista, un'infermiera, un avvocato, una vecchia signora (la Miss Marple di Agata Cristie), una professoressa (la Camilla Baudino di Margherita Oggero da cui è tratta la famosa serie Tv). Creare un protagonista non professionista può essere un vantaggio perché magari si può scegliere un personaggio che faccia un lavoro che conosciamo bene, magari proprio il nostro lavoro. E come non essere d'accordo? Io perdo moltissimo tempo nelle ricerche in rete e presso le mie conoscenze personali per capire come far muovere il mio commissario Sorace.
Il libro contiene moltissimi altri consigli che non sto a elencare perché potete leggerli direttamente e gratuitamente se siete curiosi e volete essere edotti sulla scrittura del giallo.


Al di là dei consigli sul giallo, credo che certe regole valgano anche per altri generi, mantenere il lettore sulla corda è una qualità apprezzabile anche in un romance, in fondo se l'amore trionfa nel primo capitolo che gusto c'è ad andare avanti nella lettura, a meno che non accada qualcosa di tremendo: un ostacolo, un nemico che trama nell'ombra o qualsiasi altra tragedia che allontani i due amanti finché dopo tante traversie non riescano a ritrovarsi.
Poi un consiglio che vale sempre, ed è quello che io faccio da sempre per imparare a scrivere, è leggere, leggo molto e mentre leggo osservo: l'impostazione, la punteggiatura, la distribuzione dei capitoli e tutto quello che può servire per la mia scrittura. 
Leggo soprattutto romanzi di grandi case editrici (però come sapete non disdegno gli autori self e quelli dei miei blogger preferiti).
In questo periodo, per esempio, sto leggendo un giallo che è stato tantissimo tempo ai primi posti in classifica "Urla nel silenzio" di Angela Marsons e sto leggendo anche il libro che ha vinto in Spagna il concorso, di cui tutti parlano, il premio letterario di DeA Planeta "Tutto questo ti darò" di Dolores Redondo.
Leggere mi aiuta a mettere a fuoco le tecniche e le tematiche e anche a sognare, quest'ultimo poi è il motivo principale per cui mi piace leggere.
Ovviamente visto che alla mia lista mancano, sto pensando di leggere qualche libro di Camilla Läckberg, partendo dal primo: "La principessa di ghiaccio" di cui ho già letto l'anteprima alla fine di A scuola di giallo, seguono in questo libro le anteprime degli altri romanzi della serie di Erica Falck e Patrick Hedstrom. Anche se l'ambientazione svedese la sento molto agli antipodi rispetto alla nostra Italia penso che possa essere utile imparare da colei che da anni vende migliaia di libri in tutto il mondo.

Cosa ne pensate? Avete letto questa autrice? Che autori di giallo amate e potete consigliarmi? 


domenica 7 ottobre 2018

Sonno e creatività

Non svegliatemi, sono in fase creativa

Il sonno favorisce la creatività, non lo dico io, ma Penny Lewis, una neuroscienzata della Cardiff University, università scozzese dove è in corso uno studio da parte di un gruppo di ricercatori guidati dalla Lewis e stanno creando il primo robot capace di sognare.
Questo post mi è stato ispirato dalla lettura di un articolo di Chiara Sessa pubblicato sul n. 36 di Donna Moderna.
La notizia mi interessa in modo particolare perché, purtroppo, io faccio parte del 45% della popolazione che soffre di disturbi del sonno. Se ci pensate è una percentuale notevole e un po' allarmante anche perché la perdita di sonno provoca molti disturbi (obesità, ipertensione, cardiopatie, diabete ecc ecc) e aumenta fino a sette volte il rischio di incidenti stradali. 
Io conosco bene la causa della mia insonnia: il lavoro. Succede troppo spesso di non riuscire ad addormentarmi oppure di svegliarmi in piena notte perché in testa mi frullano i pensieri di scadenze del lavoro. Non riesco a farci niente, l'unico rimedio che conosco è provare a leggere, oppure spostarmi sul divano e accendere la TV che ha su di me un effetto soporifero micidiale. Anche se tra i rimedi per favorire il sonno c'è proprio quello di spegnere il televisore che, a quanto pare, inibisce il rilascio della melatonina. Rimedio che per me non vale, visto che con la tele dormo benissimo (a parte il male al collo che può derivare dall'appoggio sul divano). Ho scelto a suo tempo di non mettere la TV in camera da letto, pensavo fosse un bene, invece alla luce della mia insonnia penso di aver fatto la scelta sbagliata.
Comunque a quanto pare sono in buona compagnia, siamo tutti insonni e, in generale, rispetto a venti anni fa, abbiamo perso 1 ora di sonno.
Torniamo alla creatività, il sonno può risolvere molti problemi, in fondo non diciamo sempre "dormiamoci su" e il mattino dopo il problema sembra più risolvibile?
me capita spesso di andare a dormire con un pensiero e al mattino svegliarmi con la soluzione (quando dormo ovvio). Insomma un problema complesso alla sera, diventa semplice la mattina, ma solo perché nel sonno colleghiamo in modo innovativo concetti apparentemente distanti.
Nella fase di sonno non-Rem, fase iniziale del sonno, l'organismo si rigenera e lentamente raggiunge un sonno profondo in cui si attivano milioni di neuroni che riprendono i ricordi della giornata fissandoli nella memoria. Dopo questa fase, fondamentale per il riposo, si arriva alla fase Rem che è il momento in cui facciamo quei sogni che ricorderemo al risveglio ed entriamo in una specie di caos creativo. 
È proprio in questa fase che il processo creativo riceve un forte impulso. Durante la notte le fasi non Rem e Rem si alternano con cicli di 90 minuti ciascuno. 
Deve essere per questo che io al mattino mi sento più creativa, forse perché sono appena uscita dalla fase Rem o forse perché, semplicemente, sono più riposata. In ogni caso se volete scrivere una storia o risolvere un problema, una bella dormita è quello che ci vuole. Magari mangiate delle noci che  sono ricche di melatonina, oppure un cucchiaino di miele che riduce i livelli di oressina, un neurotrasmettitore che mantiene svegli, oppure fate quello che voi sentite mettervi in connessione più agevolmente con le braccia di Morfeo. 
Esistono due categorie di persone: i gufi e le allodole, i primi solo quelli che dormono di più al mattino mentre di sera sono svegli e attivi come grilli; costoro sono capaci di fare innumerevoli cose complesse quasi sempre dopo le otto di sera o, addirittura, a mezzanotte. Le allodole invece, categoria a cui appartengo sicuramente, sono molto più attivi al mattino e si esprimono al meglio alle sette del mattino sentendosi pieni di energie che scemano miseramente man mano che ci si avvicina alla sera.

Voi siete Gufi o Allodole? Dormite abbastanza e che metodi usate per addormentarvi? 
Siete tra coloro che cadono in catalessi non appena toccano il cuscino e che io invidio profondamente? 


domenica 30 settembre 2018

Il successo è fare quello che ami

Tra i libri consigliati nelle varie riviste ogni tanto qualcuno mi rimane più impresso. 
Uno di questi è intitolato "Quello che ti piace fare è ciò che sai fare meglio" di Filomena Pucci coach e scrittrice con un passato di autrice televisiva. 
Potrebbe sembrare la scoperta dell'acqua calda, però se ci pensate, quando facciamo qualcosa che ci appassiona lo facciamo bene o, almeno, tendiamo verso il perfezionismo.
Se hai un grande sogno devi cercare di realizzarlo e magari farne il tuo lavoro, non arrenderti mai, persevera più che puoi. 

Fare quello che amiamo significa volerci bene


Bisogna partire da se stessi, cercare di volersi bene ed essere disposti a rischiare perché si può essere sconfitti, ma solo rischiando potremo ottenere quello che vogliamo. 
Insomma se vogliamo fare quello che ci piace dobbiamo studiare, approfondire e dedicarci alla nostra passione, e magari preparare il terreno per potere, un giorno chissà, farne anche il nostro lavoro principale. 
Questi sono discorsi che abbiamo già sentito, è vero. Il punto però, secondo l'autrice, è che quando ci dedichiamo a fare quello che veramente ci piace sarà altamente probabile raggiungere il successo in quello che andremo a fare. Questo vale per la scrittura, ma anche per qualsiasi altra attività.  Ma niente avviene per magia, la fatica c'è, nulla viene regalato.


In cuor tuo sai perfettamente quello che ti piace fare, ma per capire se quello è anche il tuo talento occorre prendersene cura, dedicarvi tempo con costanza e assiduità, essere pazienti, procedere per tentativi e non lasciarsi scoraggiare, ognuno trova a suo modo la sua strada. È importante anche ammettere le proprie vulnerabilità, capire i punti di debolezza e lavorarci per migliorarli o superarli. 
Questo libro è rivolto alle donne, ma i concetti che ho esposto secondo me valgono per tutti.
Siete d'accordo?




domenica 16 settembre 2018

#Vorrei ma non posto #Top 5 dell'Estate

Fa ancora molto caldo, nonostante sia settembre, e sulla scia del caldo ho pensato di seguire questo meme, scoperto tramite il blog di Nadia Banaudi  che parla delle top five dell'estate.



Io seguo i meme sempre un po' a modo mio e quindi, prima che l'estate finisca, vado ad elencare quelle che per me sono le top 5 dell'estate 

1. La colonna sonora dell'estate 

Purtroppo mentre il caldo dura sempre più a lungo, causa il riscaldamento globale, la mia estate, che io intendo come uno stato mentale vacanziero, diventa sempre più corta con il passare degli anni ed è forse per questo che questa estate non sono riuscita a focalizzare una canzone particolare. Tuttavia andando a leggere la classifica dei tormentoni ho trovato anche la mia canzone, quella che canticchiavo più frequentemente e che sentivo più spesso alla radio.

ITALIANA JAY AX e FEDEZ



2. Il luogo del ritorno

Ogni estate una capatina in Puglia la faccio sempre e quindi vi propongo la spiaggia dove vado di solito, anche se, in 9 giorni questa estate, ci sono andata solo 2 giorni e per poche ore...

Costa nord del Gargano


3. La frase che mi appartiene

Non ho capito se devo citare una frase tipica di questa estate o una frase mia in assoluto, comunque una frase che dico sempre - oltre alla classica "carpe diem", cosa che mi riesce sempre meno perchè ogni volta che tento di cogliere l'attimo il lavoro è passato prima di me - è la seguente:

Lo scopriremo solo vivendo

lo so non è mia, ma di Lucio Battisti, però la uso spesso, perchè sono sovente la depositaria di domande senza risposta tipo, ma secondo te perchè il cielo è azzurro? al lavoro faranno l'ennesima riorganizzazione? la terra si distruggerà perchè colpita da un asteroide? Ricevo le domande più disparate da colleghi e familiari come se io avessi tutte le risposte...

4. Libri letti in estate

D'estate si legge di più, se non altro perchè si può godere di qualche giorno di ferie. Io ho letto diversi libri interessanti, se dovessi fare una classifica metterei al primo posto:

I fiori non hanno paura del temporale di Bianca Rita Cataldi, una bella storia familiare struggente e malinconica ambientata a Bologna e letto a inizio luglio

una storia familiare

Altri due libri letti nel corso di questa calda estate e che voglio menzionare sono 
Non torno subito di Lisa Agosti 

un viaggio esotico fuori e dentro se stessi 

Tutto è tenebra di Massimiliano Riccardi 

un thriller sorprendente

In realtà più che in estate ho battezzato i libri letti tra luglio e agosto.

5. Nomination

Dovrei nominare qualcuno ma, come cantavano i Righeira, l'estate sta finendo e quindi prima che arrivi l'autunno vedete voi se volete aderire o raccontarci le vostre Top dell'estate nei commenti, che poi non ho capito perchè si chiama TOP5 se le top da citare sono 4, forse mi sono persa qualcosa o forse no.
Cosa mi raccontate?




domenica 9 settembre 2018

La vacanza può essere un luogo da scoprire

Spesso visitiamo posti lontani e non ci accorgiamo di piccoli gioielli più vicini da scoprire.
Quello che abbiamo vicino ci sembra sempre a portata di mano e finiamo per non andarci mai. Invece ogni tanto rompere questo schema è interessante e piacevole. 
Percorso verso il borgo alto

Siete mai stati a Castell'Arquato? È un bellissimo borgo in provincia di Piacenza che non avevo mai visitato pur vivendo in Emilia Romagna ed è stata una piacevole scoperta in una domenica di inizio estate. Pensate che il mio compagno, appassionato di documentari, ne ha sentito parlare in TV, così mi ha proposto di andarlo a visitare. E io con somma felicità ho accolto la sua proposta, considerato che nei mesi invernali avevo passato il tempo libero sempre a scrivere e, al massimo, a uscire per una passeggiata in città. Vi propongo alcune foto fatte da me con il cellulare e vi racconto un po' di storia del luogo che ho reperito su Wikipedia e dintorni.

Piazza del borgo alto

Da wikipedia:
Castell'Arquato è un piccolo comune di 4.600 abitanti situato sulle alture della Val D'Arda in provincia di Piacenza, bellissimo borgo medioevale arroccato lungo la collina.
Il centro storico si è sviluppato sulla riva sinistra del torrente Arda ed è ubicato a circa 30 km da Piacenza, capoluogo provinciale, 42 km da Cremona e 45 km da Parma.
Il borgo è costruito secondo la struttura dei borghi medioevali e non ha subito modifiche degne di nota sino agli anni '50. Nei decenni successivi le diverse amministrazioni hanno via via incentivato un cospicuo sviluppo urbanistico ai piedi del borgo antico, che si è esteso alle superfici agricole circostanti e a cui ha corrisposto un'iniziale spopolamento e un successivo recupero architettonico del nucleo storico originario anche grazie all'utilizzo turistico delle seconde case.
Castell'Arquato ha il titolo di "città d'arte" è stata insignita della Bandiera Arancione dal Touring Club Italiano; fa parte del club de I borghi più belli d'Italia.
 

Veduta dalla Rocca

Per arrivare al centro storico, di domenica, è necessario fare una bella scarpinata in salita, però ne vale la pena, perchè potete visitare la rocca viscontea e godere di un bellissimo panorama dall'alto
Vicolo

Mentre fate la salita potete ammirare deliziosi e suggestivi vicoli.
Vicolo
E facciate di palazzi molto belli, questo è il palazzo Stradivari.
Palazzo Stradiviari
Il palazzo Stradivari funge come porta di accesso al borgo alto, questa foto non rende molto perché l'ho dovuta tagliare, si leggeva la targa dell'auto...
Ecco cosa c'è scritto nel sito di informazione turistica della Provincia di Piacenza:
Di mole piuttosto complessa, il Palazzo Stradivari risale all'Ottocento, e funge da vera e propria porta d'accesso alla parte alta del borgo. L'edificio è un bel complesso volumetrico articolato su più livelli che attraversano la strada e si aggettano verso la valle: rappresenta un buon esempio di architettura neomedioevale. Sopra il voltone si trova una torre quadrata, sormontata da merli a coda di rondine (ghibellini). Oggi al suo interno si trova un raffinato ristorante. Parte del Palazzo è adibita a ristorante.
Strada verso il borgo
Vi ricordate il Film Ladyhawke con Matthew Broderick, Rutger Hauer e Michelle Pfeiffer?
Alcune scene del film sono state girate presso la Rocca che negli anni ha mantenuto il suo aspetto medioevale. Credo che il portico dove Rutger Hauer ha percorso con il cavallo sia questo...
Questo è il portico di accesso alla Collegiata di Santa Maria Assunta innalzata nel XII secolo in luogo della Chiesa dell'VIII secolo distrutta da un terremoto. Purtroppo non abbiamo potuto visitare l'interno perchè la chiesa era chiusa e dopo ci siamo concentrati sulla visita alla Rocca Viscontea che apriva verso le 15.00.
Portico della Collegiata

Ogni anno poi si tengono in Castell'Arquato diversi eventi:
la Cena medievale in cui si rivive il Medioevo con tornei in armatura e spettacoli vari (dovrebbe essere a metà settembre), 
la Festa delle Castagne e il Festival dei Ricordi in Ottobre (in cui vengono proposte le tradizioni e i sapori del territorio), 
il Monterosso Val d'Arda Festival (dedicato al vino tipico).
Tagliere per due

Noi ci siamo fermati a mangiare presso l'enoteca della piazza (è quella che si intravede sotto con i gazebo, ma noi siamo stati all'interno era molto più fresco) e abbiamo assaggiato il tagliere di formaggi e salumi tipici (non si vedono ma sotto i salumi ci sono anche i formaggi) con un ottimo vino bianco locale chiamato Ortrugo (abbiamo anche comprato una bottiglia da portare a casa). Quando mi trovo bene in un posto ho sempre voglia di portarmi a casa un pezzetto come ricordo, il vino è un buon pezzetto. La signora che gestisce l'enoteca inoltre è troppo simpatica. 

Veduta della piazza da un lato della Rocca
 Dalla Rocca si vede un panorama mozzafiato, questo è un piccolo assaggio.

Panorama dalla Rocca

Però se non volete salire sulla sommità della Rocca anche dalla piazza è possibile godere di una bella visione, la foto dal belvedere non l'ho fatta, quindi vi propongo questo lato.

Un lato della Collegiata
La foto che segue è un altro angolo della piazza.

Lato interno
Queste sono le foto migliori che ho fatto con il cellulare, credo di avervi dato un'idea della bellezza del posto e del fatto che valga la pena farci una breve visita. 

E voi avete mai scoperto un bel posto da visitare vicino casa vostra?



mercoledì 5 settembre 2018

Il mio racconto da spiaggia

Con questo racconto partecipo al contest di Barbara Businaro Racconti da spiaggia del blog Webnauta
Le regole da seguire sono semplici: il tema del racconto è libero, ma occorre usare alcune parole e non superare le 10.000 battute spazi compresi.  
Sabato scorso mi sono svegliata nel cuore della notte e dopo aver letto un po' sono stata folgorata da un'idea, ho scritto quindi questo raccontino (è ben al di sotto dei caratteri richiesti) dove ho fuso due temi a me cari l'estate e il ricordo.
Non aggiungo altro, se siete curiosi andate a leggere, tanto fate in fretta!


Luce d'estate

Erano le sei del mattino e, dopo essersi girata nel letto più volte, decise che era meglio alzarsi, ormai non dormiva più. Entrò in cucina, sollevò la tapparella e uscì sul balcone assaporando l'aria fresca. Chiuse gli occhi e inspirò profondamente, per un attimo sentì l'odore del mare e della pineta. Assurdo, il mare era molto lontano dalla casa, era un sogno a diversi chilometri da lì, eppure riusciva a sentirlo nelle narici, un ondivago senso di serenità. 
In strada non c'era ancora nessuno ed era piacevole osservare quel deserto, la sensazione che tutti fossero ancora avvolti nel sonno o nella lenta oziosità del risveglio.
Rientrò in cucina e preparò il caffè, poi sedette e si guardò intorno, gli stessi mobili, le stesse piastrelle, la stessa aria. La cucina era l'unica stanza rimasta ferma negli anni rispetto al resto della casa.
Le piaceva che almeno quell'ambiente apparisse immutato, era lì che sentiva ancora la sua presenza.
Il suo passo leggero che si avvicinava mentre le portava il caffè con una profumata fetta di claufotis di ciliegie appena sfornata. Le carezze sulla testa come se fosse ancora una bambina. 

"Perché ti sei svegliata così presto, Annina, non devi studiare. Sei in vacanza!"
Odiava i diminutivi, ma sua madre era l'unica che potesse chiamarla così senza provare fastidio.
"Non riuscivo a dormire. E poi mi piace l'aria del mattino"
"Oggi potresti andare al mare, oppure fare una passeggiata in pineta, si sta bene, non c'è ancora l'afa del ferragosto portatragedie"
"Sei ancora convinta che il ferragosto porti tragedie?" Ripensò alle canzoni cantilenanti che sua madre, come un bardo celtico, cantava ogni estate per ricordare antiche tragedie paesane. 
"In agosto accade sempre qualcosa di brutto, forse perchè con il caldo la gente perde la testa"
"La canzone degli 'alberi pizzuti', me la canti? Mi è tornata in mente quella canzone. Me la canti?"
Gli alberi pizzuti erano i cipressi, era un modo per indicare il cimitero, quella canzone parlava di una donna innamorata che tradita dal suo uomo lo uccise il giorno di ferragosto. Era una storia vera, accaduta tanti anni prima quando sua madre era una ragazzina e lei non era ancora nata.
Le note di quella antica cantilena in dialetto si diffusero nella cucina, salirono lungo le piastrelle colorate e poi si dissolsero fuori dal balcone nella luce brillante del giorno che avanzava.

Il gorgoglìo della caffettiera la riportò alla realtà, spense il fuoco e prese la tazzina, versò il denso liquido nero e tornò a sedersi. 
Guardò di fronte a lei, vide i suoi occhi verdi, il riflesso dei capelli rossi e il suo sorriso. Allungò la mano per farle una carezza, ma toccò solo il vuoto. Eppure aveva sentito la sua voce, percepito il suo profumo, aveva parlato con lei. Era sveglia, non aveva sognato, ma tutto era apparso come se fosse reale. Che scherzi fanno i ricordi. 

Michele entrò in cucina e la guardò.
"Hai fatto il caffè?" 
Sollevò lo sguardo, suo marito, in vacanza, era mattiniero quanto lei.
"Sì, te ne verso una tazza" rispose alzandosi e dandogli un bacio sulla guancia.
"Oggi è una bellissima giornata, potremmo andare al mare" propose lui.
"Credo sia il periodo migliore, a giugno le spiagge qui sono ancora semideserte, possiamo fare una passeggiata e poi mangiare in qualche antica masseria della zona" rispose Anna. 
Lui annuì soddisfatto mentre beveva dalla sua tazzina e, intanto, tagliava un pezzo di crostata che lei il giorno prima si era ricordata di comprare al forno sotto casa. 
Era ancora avvolta dalla sensazione di piacevole turbamento donatale dalla visione adamantina di sua madre, dovuta alla sua troppo fervida immaginazione, regina dell'entropia.
"Vado a prepararmi allora, tu finisci pure con calma" concluse uscendo dalla cucina.
"Va bene" rispose lui, "a proposito ma, avevi la radio accesa prima?"
"Perchè?"
"Chi è che cantava quella strana cantilena?"





domenica 2 settembre 2018

Conciliare scrittura e vita lavorativa

Qualche mese fa in un commento Salvatore Anfuso nel suo post  intitolato Come raggiungere il massimo dell'efficienza nella scrittura mi ha suggerito di scrivere un post su come conciliare la vita lavorativa con la scrittura. E io ho seguito il suo suggerimento. Avevo cominciato a scrivere il post tempo fa, ma solo ora sono riuscita a completarlo. Meglio tardi che mai.
Nel suo post Salvatore spiegava come raggiungere l'efficienza nella scrittura e sfruttare bene il proprio tempo, dava ottimi consigli. Il problema sorge però se lavori e, si sa, la maggior parte della gente che scrive non vive di scrittura, quindi, se è fortunata (oggi bisogna comunque considerarsi fortunati ad avere un lavoro) svolge ogni giorno un altro lavoro che non riguarda la scrittura. 
Ed ecco quindi che - per scrivere - è necessario organizzarsi bene, anzi molto bene.
Siccome io non sono un guru e non possiedo nessuna ricetta miracolosa posso solo parlare di quello che faccio io per conciliare la mia vita lavorativa con la scrittura. Prima di tutto é necessario avere la passione, e quella non mi ha mai abbandonata, anzi si è acuita negli ultimi anni, grazie alla possibilità di pubblicare. Probabilmente non scriverei se non avessi la prospettiva di pubblicare anche in autonomia.
Ma soprattutto è fondamentale fare delle scelte, non puoi scrivere sul blog tutti i giorni, seguire tantissimi blog lasciando commenti possibilmente intelligenti e riempire pagine intere del tuo nuovo romanzo. Non puoi, perché ogni giornata è formata sempre da 24 ore di cui almeno 6 sarebbero da dedicare al sonno, quindi devi fare una scelta e dare le priorità in base all'obiettivo da raggiungere. 

Il segreto del successo nella vita è fare della tua vocazione il tuo divertimento. Mark Twain

La frase sopra è emblematica, sarebbe bello raggiungere il successo attraverso le proprie passioni, tuttavia anche se ciò non avviene, avere una passione e dedicarvi del tempo rende, in un certo senso, più felici e soddisfatti.
È necessario quindi porsi un obiettivo di scrittura e applicarsi con costanza. L'alternativa è aspettare di essere colpiti dal fuoco sacro dell'ispirazione all'improvviso e scrivere duecento pagine in una notte.
La seconda ipotesi accade spesso nei film oppure nei romanzi, ma nella realtà probabilmente no. A me almeno non è mai accaduto, pur avendo avuto, talvolta, qualche momento di grande ispirazione che mi ha condotto a scrivere alcuni capitoli quasi in uno stato di grazia. 
Ma siccome vogliamo parlare di obiettivi realizzabili, secondo me il metodo è dedicare del tempo a scrivere con periodicità, costanza e determinazione. Procedere magari a piccoli passi, ma comunque procedere. Il tempo da dedicare alla scrittura può essere quello serale, se il lavoro lascia dei margini oppure quello del week end. Le ore per me più favorevoli sono quelle mattutine del fine settimana. Sono quelle più produttive e quelle che mi trovano meno stanca.
E comunque è importante mettersi lì davanti al computer e scrivere, provarci, stare lì per alcune ore a tentare di scrivere perché, proprio mentre ti lambicchi il cervello a pensare alle parole giuste da fissare sulla pagina, può arrivare lo stato di grazia di cui parlavo prima. 
Altre volte non accade nulla, scrivi una mezza paginetta e ti sembra di aver scalato l'Everest nel farlo, ma la volta successiva proprio partendo da quelle quattro righe riesci a scrivere il capitolo migliore del libro o quello che ti sembra tale. 
In questi ultimi mesi non ho scritto nuove storie. Mi sono dedicata alla revisione-promozione-ricerca immagini-nuova revisione degli ultimi due romanzi, il secondo giallo e il romance che voleva uscire dal cassetto. 
Volutamente ho tralasciato di scrivere storie nuove perché non mi restavano energie per fare altro e anche perché non avevo voglia di passare il tempo libero davanti al computer, ma andare in giro o stare in relax: ne avevo un assoluto bisogno. 
Nel frattempo leggevo molto e pensavo ogni tanto al terzo episodio di Sorace. 
Infine, mentre ero in ferie, per alcuni giorni mi sono imposta di scrivere un capitolo della nuova storia. Il primo giorno non ho scritto quasi nulla, il secondo giorno ho scritto un mezzo capitolo, il terzo giorno ho delineato meglio e implementato quello che avevo scritto.
Ho avuto la riprova che è necessario imporsi il tempo da dedicare alla scrittura perché altrimenti non si procede in nessun modo. Finché la storia ce l'hai nella testa in forma nebulosa la storia non esiste. Essa comincia a esistere solo quando la metti su carta, con fatica e sudore.

E poi ci sono altri accorgimenti per non perdere tempo, questa cosa l'ho letta in un articolo, non so se sono idee malsane di qualche giornalista oppure realtà, ma sembra che il look "casual" di alcuni uomini di successo serva per "non perdere tempo", avete presente il modo di vestire molto informale di uomini come Steve Jobs: maglia a collo alto nera, jeans e occhiali; oppure di Mark Zuckergerg: maglietta grigia, infradito e jeans, con l'aggiunta della felpa con cappuccio se fa più freddo, lui stesso ha spiegato perché veste sempre allo stesso modo, per non sprecare tempo in decisioni frivole come quelle legate al look e concentrarsi sul lavoro. Anche Marchionne (che riposi in pace) con i suoi maglioncini sobri seguiva lo stesso criterio. 
Queste osservazioni mi hanno colpito perché anch'io negli ultimi tempi tendo a vestirmi in modo sobrio quando vado al lavoro, per non perdere tempo, a volte ho anche pensato che sarebbe stato comodo indossare una divisa in modo da non dovermi preoccupare di cosa mettere. In realtà una prima causa è da collegarsi alla crescente disaffezione al mio mondo lavorativo, che sento sempre più fagocitante e quindi non mi interessa vestirmi bene per adeguarmi all'ambiente. 
No, tranquilli, non vesto come Zuckemberg, però più passa il tempo, meno cerco di complicarmi la vita pensando a cosa indossare al lavoro. Ogni tanto mi faccio prendere dalla vanità femminile e indosso anch'io qualche vestitino frou frou, poi però ritorno ai miei pantaloni classici con magliettina di cotone e giacchino, o il classico twin set...(comodissimo, anche se probabilmente ormai fuori moda, nelle stagioni da tempo ballerino).
La differenza è che io non voglio perdere tempo sul mio lavoro, ma voglio risparmiarlo per tornare a casa prima possibile e scrivere. Desiderio che resta spesso tale, perchè le urgenze mi legano alla scrivania del mio ufficio oltre l'orario. 

Tutto sommato i momenti migliori per scrivere bisogna ritagliarseli comunque e non sprecarli.
Non è facile e non sempre la forza di volontà aiuta.
E voi cosa ne pensate?