domenica 12 novembre 2017

I miei anni '90

Sono stata nominata dal blog di IVANO LANDI a parlare dei miei anni novanta e con molto piacere mi accingo a esporre una carrellata di ricordi ed emozioni connessi a quegli anni, un decennio piuttosto importante per la mia vita.

Ricordi 
Tra i miei ricordi indelebili degli anni novanta c'è una vacanza a Lipari con un gruppo di amici, era il 1990.
Pur avendo iniziato a lavorare nel 1989 sono riuscita a fare la mia prima vera vacanza soltanto nell'agosto del 1990, quell'anno, grazie a una compagnia di amici molto affiatata, riuscimmo a organizzare una bellissima vacanza a Lipari per due settimane. Eravamo in sedici e trovammo in affitto un complesso di tre appartamenti su una collina dell'isola dalla quale potevi osservare un tramonto spettacolare. In realtà Lipari era la base, ma visitammo anche Salina, Vulcano, Panarea e Stromboli. Non riuscimmo ad andare anche ad Alicudi e Filicudi perché troppo lontane e avremmo avuto bisogno di più giorni di vacanza, ma fu una bellissima esperienza. L'anno successivo feci una vacanza con un altro gruppo di amici nel Salento, altro posto bellissimo. Però la vacanza a Lipari è quella che ricordo con più piacere. Fu una specie di spartitraffico tra il prima e il dopo della mia vita.
Lipari
Serie televisive 
X- Files, la prima serie televisiva di cui sono diventata dipendente...era il 1994 e in una sera qualunque rimasi folgorata dalla prima puntata e poi non me ne persi neanche una (quando non ero in casa registravo la puntata e me la guardavo appena potevo) mi piacevano soprattutto gli episodi che parlavano di eventi strani o soprannaturali, meno quelli che avevano a che fare con gli alieni. Comunque io me li guardavo tutti perché adoravo Fox Mulder, al secolo David Ducovny, come la sua collega Scully ero follemente innamorata di lui, ma non lo davo a vedere... ammetto di aver seguito David anche nella serie Californication ma ho perso molte puntate dato l'orario disumano in cui andava in onda, più o meno mezzanotte
Scully e Mulder


 Film 
1995 due film che amo ricordare:

I laureati di Leonardo Pieraccioni


Viaggi di nozze di Carlo Verdone


Infine un film secondo me delizioso è Pane e tulipani di Silvio Soldini del 1999

Ricordo solo questi tre film italiani tralasciando quelli stranieri, sono rimasti impressi nei miei ricordi e mi piace riguardarli se li danno in tv. Rivedendoli mi tornano in mente alcuni momenti speciali della mia vita.

Musica
I miei anni novanta sono stati dominati dalla musica di Luciano Ligabue, in realtà la passione è seguita anche nei decenni successivi...tuttavia amavo anche altri gruppi e cantanti: I Rem, gli 883, i Litfiba, i Red Hot chili peppers, i Depeche mode, gli U2, Raf e altre passioni musicali più o meno passeggere...

Luciano Ligabue
Fumetti
In quel periodo mi piaceva moltissimo leggere Dylan Don l'indagatore dell'incubo. È stato uno dei pochi fumetti capace di distrarmi da Topolino e Paperino...




Libri 
Negli anni novanta ho letto diversi libri di Andrea De Carlo alcuni sono ancora nella mia libreria, ho fatto una foto per l'occasione, sono gli anni di Jack Frusciante e di Va' dove ti porta il cuore, ma il libro che ha tracciato una traccia indelebile è Passaggio in ombra di Maria Teresa di Lascia, Premio strega 1995 più che meritato secondo me, purtroppo l'autrice è morta prematuramente di cancro a 40 anni, fu fondatrice della Lega Internazionale Nessuno tocchi Caino, si è sempre battuta per la difesa dei diritti umani e ha lasciato alcuni racconti e un romanzo incompiuto. 
I miei libri

C'è però anche un altro libro che ha segnato i miei anni novanta per la storia intensa e passionale che racconta, per il significato che vi ho trovato, perché l'ho riletto a più riprese e l'ho afferrato meglio anche di recente. È un romanzo che parla di uno scandalo, ma anche dell'irresistibile richiamo che spesso le passioni portano con sè, soprattutto quando per una vita si è scelto di non viverle: Il danno di Josephine Hart. Molto bello anche il film tratto dal libro con Jeremy Irons e Juliette Binoche.
Il danno

Giochi
Noi profani del computer, nei primi anni novanta, scoprivamo i giochi digitali.
Io non ero una grande estimatrice dei giochi di ruolo (c'era chi passava ore ed ore sui giochi di ruolo, non ho mai capito perchè) però mi ero appassionata a due giochi molto semplici, il primo si chiamava Frog e si basava su una rana salterina che doveva attraversare prima una strada evitando di farsi travolgere dalle auto e dopo doveva saltare su un tronco d'albero galleggiante per evitare di cadere in acqua. Io non credo di aver mai superato il secondo livello, anche perché dopo un po' mi stancavo e lasciavo perdere
Frog
E poi c'era Tetris un gioco che ipnotizzava, aveva il potere di incollarmi al computer per diverso tempo, solo che dopo aver giocato, se chiudevo gli occhi, continuavo a veder i mattoncini colorati che si incastravano...insomma una piccola tortura, alla fine ho smesso, i giochi al computer hanno avuto scarsa presa su di me per tutto il resto del decennio.
Tetris

E poi c'erano i giochi di società risico, tabù, trivial pursuit. Spesso ci si ritrovava con gli amici in casa, nelle fredde serate d'inverno, per giocare e sfidarci. Era diventato così di moda che in alcune osterie di Bologna c'era l'angolo con questi giochi e si potevano portare al proprio tavolo per giocare pagando una piccola quota in più sul servizio...
Io detestato il Risiko, era un gioco sulle strategie di guerra, piaceva molto agli uomini, chissà come mai...
Risiko

In compenso adoravo il Trivia pursuit, era un gioco che testava le proprie conoscenze nei vari campi: letteratura, storia dell'arte, geografia, storia, spettacolo, scienze e non ricordò che altro. Io primeggiavo nelle domande di letteratura e spettacolo...
Trivial
Mi sembra di aver detto tutto sui miei anni novanta, non ho citato lo shopping, ma non voglio annoiarvi, vi basti sapere che ogni fine settimana compravo molte cose di cui non avevo bisogno, soprattutto vestiti, finchè un giorno aprendo l'armadio mi è venuta la nausea e ho smesso, oggi l'idea di comprare un vestito mi rende insofferente, mi sembra davvero di perdere tempo, compro solo quello che mi serve. La mancanza di tempo e di spazio nell'armadio aiuta.

Penso di scrivere un post a parte sui viaggi che ho fatto perchè quel decennio fu molto importante sotto questo aspetto. 
Intanto, voi cosa mi raccontate dei vostri anni '90?
 

17 commenti:

  1. Che bei ricordi :-)
    A Lipari ancora non ci sono mai stato, ahimè, però ovviamente l'immaginario collettivo che citi l'ho vissuto anch'io. Leggevo Dylan Dog, guardavo X Files, giocavo a tetris... Mi distinguo un po' da te musicalmente, per me gli anni '90 sono stati il decennio del grunge: Nirvana, Soundgarden, Bush, Deftones... e poi il nu metal dei Korn e dei System Of A Down...
    In realtà un po' ho già raccontato dei miei anni '90 sul post autobiografico... però magari potrei fare un post apposito per i "miei" anni '90...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo molte cose in comune a parte la musica. Potresti in effetti raccontare i tuoi "ricordi" anni novanta. Non ho nominato nessuno ma ognuno può aggregarsi. Le isole Eolie sono bellissime, ma anche le altre isole siciliane (credo) finora a parte le Eolie ho visitato solo Lampedusa.

      Elimina
  2. I miei anni '90 li conosci già, ovviamente.
    Il Risiko in effetti io lo avevo amato (chissà come mai?) ma negli anni '90 avevo già smesso da un pezzo di giocarci. La versione che avevo io era però la prima edizione, diversa nella grafica da quella della tua foto. Mi hai fatto comunque ricordare un dettaglio che avevo rimosso dei miei anni '90: io e la mia compagna di allora che nella sere estive in montagna giocavamo a "Scarabeo" al circolo ARCI.
    "Il danno" di Josephine Hart langue invece da decenni, non letto, nella mia libreria, accanto a "Il peccato" della stessa autrice, che condivide la stessa sorte. Chissà se un giorno arriverà anche il loro turno ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S. Grazie per la partecipazione e per il link :-))

      Elimina
    2. Il danno forse è un romanzo che piace di più alle donne, Il peccato invece non l'ho letto. La foto del Risiko l'ho trovata in rete, il gioco che mio marito aveva in casa forse era uguale al tuo...comunque è vero c'erano anche i circoli ARCI con quei giochi...è stato un piacere partecipare!

      Elimina
  3. Ah, tetris e trivial e X files!
    Vorrei avere anche la vacanza a Lipari tra i miei ricordi degli anni '90, ma tutto sommato non posso dire che le mie non siano state belle.
    Quello che rimpiango, però, è solo la spensieratezza dell'età in cui li ho vissuti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quegli anni forse mi sembrano belli proprio perchè mi riportano a un'età non dico spensierata, ma piena di aspettative positive, gli anni tra i 26 e i 36 anni circa...(dico circa essendo nata a novembre).
      Sicuramente anche le tue vacanze sono state memorabili :-)

      Elimina
  4. Che flash, certe cose pensavo di averle rimosse! Xfiles, e chi può dire di non averlo guardato? Piaceva tantissimo anche a me, e i giochini digitali di frog e tetris? Idem. Ligabue e Litfiba come non citarli? Eppure erano solo ieri, gli anni novanta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ho guardato X-Files... :P

      Elimina
    2. X-files hanno segnato la mia vita...tranne quella di Barbara 😉 È vero Nadia gli anni novanta sembrano dietro l'angolo, invece sono passatimpiù di vent'anni, accipicchia!

      Elimina
  5. Anni 90... potrei sbagliare, ma erano gli anni di Supercar (inchino prego), A-Team, Riptide, StreetHawke, RalphSuperMaxiEroe, Starman, Magnum PI, Hazzard, WonderWoman e LoveBoat (vecchiotti ma io li ho visti allora).
    Erano proprio dei 90: Twin Peaks, Buffy l'ammazzavampiri, Beverly Hills 90210, Baywatch, Friends, Streghe, Nikita, Xena, Ultime dal cielo, South Park (Chi ha ucciso Lenny?), Roswell, La tata (seguì Friends nella fascia pre-telegiornale tutti insieme a tavola) e poi Willy il principe di Bel Air, Dawson'creek, Melrose Place...
    Star Trek, tutte le serie, qualsiasi, a qualsiasi ora e anno. :D
    Giochi da tavolo: Monopoli, con lunghissime sessioni parentali a Santo Stefano ("Oh, a schei, schei veri!")
    Giochi al pc: la regina Lara Croft, Tomb Raider. Nonostante la definizione grafica fosse un bruscolino rispetto ad oggi, era comunque d'impatto trovarsi di colpo il velociraptor sullo schermo... fu così che certe sessioni di gioco, avevo i comandi da tastiera e il cavo corto, io e mia sorella usavamo una stecca da 80 cm per premere i bottoni. "Fai tu" "No no, fai tu stavolta..."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Incredibile, ma come ho fatto a dimenticare Buffy l'ammazzavampiri, io ho visto tutti gli episodi! Poi ho amato anche Streghe e Roswell, gli altri telefilm li ho visti un po' ma

      Elimina
    2. Non avevo finito! Telefilm visti un po' ma meno assiduamente. Sì anch'io giocato a Monopoli soprattutto nelle feste di Natale 🎄

      Elimina
  6. Le Eolie stupende, che te lo dico a fare! 🤗
    Sai che mi hai fatto pensare ad Andrea De Carlo? Io, nei miei ricordi, ho sottolineato la scoperta di Murakami, ma leggevo anche De Carlo ed ero innamorata dei suoi libri: ce li ho tutti, almeno fino a un certo periodo. L’ultimo decennio, direi che mi ha deluso parecchio e l’ho mollato. “Il danno”: bello e anche Irons nel film. 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Sicilia ha ancora un sacco di angoli meravigliosi che devo conoscere cara Marina, ma almeno le Eolie le ho viste abbastanza bene, ma non mi dispiacerebbe ritornarci. Andrea De Carlo mi piaceva molto, ma dopo un po' ha stancato anche me...☺️

      Elimina
  7. La vacanza a Lipari dev'essere stata stupenda, certo che un gruppo di sedici persone è bello numeroso! Commentando il tuo post, pensa che soltanto lo scorso anno ho visto tutta la serie di X-Files in compagnia di mio figlio, in una specie di maratona e grazie allo streaming. Negli anni '90 alcuni episodi mi facevano impressione... comunque anche a me sono piaciuti molti i casi del paranormale, e meno quelli sugli alieni. Ho provato a vedere la nuova stagione, e l'ho trovata francamente imbarazzante: potevano risparmiarsela!
    Il film Pane e tulipani me lo ricordo, era delizioso!
    Sui videogiochi una menzione ad honorem merita The Prince of Persia, credo di essere arrivata al terzo livello o poco più. Il problema è che c'era anche un tempo limite. Poi mi ricordo di un videogioco piuttosto rudimentale, ma divertentissimo, con uno scimmione sulla cima di un grattacielo, tipo King Kong. Ci giocavo con i colleghi in pausa pranzo, quante risate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti i nuovi episodi di X-files non mi sono sembrati granché, io ho faticato anche a vederli perché li davano su rai 4 ma non beccavo mai l’orario giusto! La vacanza a Lipari è stata molto bella, eravamo in sedici ma avevamo tre appartamenti adiacenti con un cortile comune, una location notevole. Lo scimmione stile king Kong doveva essere un bel gioco stile frog...

      Elimina

Ogni commento è gradito, lascia la tua opinione dopo la lettura.
Commentando accetti la cookie policy di Google.