sabato 31 marzo 2018

Voglia di primavera

Non importa quanto freddo sia l'inverno, dopo c'è sempre la primavera. Eddie Vedder
In questi ultimi giorni ho iniziato a scrivere un paio di post senza finirli, sono stata distratta dalle giornate di sole che mi hanno attirato fuori casa. All'improvviso mi sono accorta che è primavera, nel senso che è arrivata sul serio. 
Prima, tra vento di Burian e nevicate marzoline, non me ne ero accorta. Invece ora le ore di luce allungate dall'ora legale e il nuovo tepore del sole che finalmente accarezza la pelle sento che la primavera è davvero arrivata. Certo ci saranno ancora giornate piovose e qualche ulteriore raffica di vento tempestoso, ma intanto sono fuori dal letargo, almeno a livello mentale. 
Questo mese di marzo, tra l'altro, mi sembra che sia volato via molto più velocemente dei primi due mesi dell'anno. Ho avuto proprio questa sensazione, quella di un baleno, una saetta, un fulmine. Ieri era il primo del mese e oggi è la fine, e domani è già Pasqua.
Quindi non mi resta che farvi i miei più sinceri e cari auguri. Godetevi questi giorni di festa e questo risveglio di primavera.

Vi saluto con questa poesia in tema.

La primavera,  di Vincenzo Riccio

Il primo profumo di fiore
accende la nuova stagione.
Si inchinano i venti, la neve,
il freddo, discretamente si tace.
La forza di un nuovo respiro
fa sussultare le vite.
Lo scrigno di terra si apre
spargendo tesori:
colori, profumi, sapori.
Sorrisi di bimbini sui prati,
sospinti dai venti,
sussurrano un nome:
è un suono di gioia che canta
l’arrivo di primavera.

12 commenti:

  1. In realtà almeno qui, dopo queste giornate primaverili che mi hanno fatto esclamare ECCOLA E' ARRIVATA FINALMENTE oggi è tutto nero e ci sono 8 gradi. Mah. Però gli alberi sono un'esplosione di rosa e lilla davvero stupendo. Auguri, cara Giulia per questi giorni che almeno siano di relax

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche qui oggi è di nuovo nuvoloso, anzi stamattina non è mancata una piccola pioggerella, però gli alberi sono fioriti e l'aria profuma di primavera. In ogni caso un po' di relax ce lo prendiamo...auguri cara.

      Elimina
  2. Cara Giulia, a me il tempo sembra che voli troppo veloce, non faccio a tempo a iniziare il mese che puff... Marzo non è stato un gran mese e spero ardentemente sarà migliore aprile, ma non vorrei davvero corresse troppo veloce perché in un istante arriva l'estate e invece vorrei tanto godermi questo periodo intermedio di luce che hai descritto, quindi mi associo. Auguri, buon riposo e buona Pasqua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero vorrei anch'io che questo periodo durasse più a lungo, la primavera è una bellissima stagione, con il suo tepore e la sua luce. Ma tanto non abbiamo nessun potere su questo tempo che fugge...quindi godiamoci semplicemente questi giorni di primavera e buona Pasqua cara Nadia!

      Elimina
  3. A fine marzo arrivo sempre stremato dall'inverno, ma bastano due-tre giornate consecutive di sole e subito mi sento meglio. Evidentemente sono un rettiliano (e ciò spiegherebbe tante mie idiosincrasie nei rapporti sociali) e il mio sangue si scalda soltanto con il sole :-D
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che sono rettiliana anch'io ;) basta una giornata di sole e la vita ci sorride, almeno nello spirito. Buona Pasquetta ormai!

      Elimina
  4. Quando cominciano a fiorire gli alberi, mi prudono sempre le mani, nel senso che vorrei sempre fotografarli tutti. E' lì che sento la voce del marito borbottare: "Ma non è uguale allo scorso anno??" Insomma, questi uomini non capiscono proprio la bellezza della natura! Buona Pasqua anche a te, e soprattutto buon inizio di autentica primavera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, anch'io vorrei immortalare ogni aspetto di questa natura che si risveglia, poi mi limito perché spesso ho le mani impegnate e le foto non rendono la bellezza reale, però ogni tanto ci riesco a fermare la bellezza in una foto. Buona Pasquetta a te, visto che ormai è sera.

      Elimina
  5. La primavera è la stagione che prediligo perché è un inno alla vita e si assiste al risveglio di tutte le specie. Che spettacolo! Ieri anche le mie tartarughe hanno cominciato a zampettare nell'aiuola dopo mesi di letargo. Mi sento nuova anch'io

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che belle le tartarughe, anche una mia amica ha il giardino e il risveglio delle tartarughe segna per lei l'inizio ufficiale della primavera. Vedere questi animaletti che si risvegliano provoca un'emozione speciale.

      Elimina
  6. Appena tornata da Parigi, con neve e ghiaccio, sembrava ancora tutto inverno anche qui. Ma nel giro di due settimane le piante del terrazzo si sono completamente risvegliate, dapprima qualche tenera puntina sotto le foglie invernali, ora sono già alte venti centimetri. Le piante grasse, che stavano in serra, hanno già i fiori. Mi sa che i ritardatari del letargo siamo noi umani! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, noi tendiamo a restare in letargo presi dalle mille incombenze. Però piante e fiori con i primi tepori tendono a esplodere in mille colori ed è proprio un piacere lasciarci travolgere dalla primavera. Sembra impossibile che due settimane fa ci fosse ancora neve e gelo!

      Elimina

Ogni commento è gradito, lascia la tua opinione dopo la lettura.
Commentando accetti la cookie policy di Google.