domenica 8 gennaio 2017

Dieci buoni propositi per il 2017

I buoni propositi sono assegni che gli uomini emettono su una banca dove non hanno un conto corrente. Oscar Wilde
                                                
Allora dovete sapere che io non sono superstiziosa ma scaramantica, che differenza c'è direte voi? 
C'è differenza, i superstiziosi temono i gatti neri, non passano sotto le scale, si buttano il sale dietro le spalle se lo fanno cadere e fanno diverse azioni strane per scongiurare la mala sorte.
Gli scaramantici invece omettono, quindi evitano di parlare di qualcosa finché non l'hanno realizzata, ah è anche questa una superstizione? Va bene, allora facciamo così, proverò a elencare dieci buoni propositi, in particolare proverò a parlare delle dieci cose che tento invano di realizzare negli ultimi anni a questa parte e che non riesco a fare per mancanza di tempo, volontà, determinazione, stress ecc ecc e nel mezzo inserisco qualche proposito del tutto nuovo.
Vuoi vedere che parlandone qui potrò farcela davvero?

1. Svuotare il mio armadio: eliminare tutto quello che non mi serve più, non riesco più a indossare perché è fuori moda, perché non mi va più, perché è scomodo da mettere, perché non rientra più tra le cose che mi fanno sentire a mio agio, parola d'ordine: fare spazio! 

2. Perdere i quattro chili presi nell'anno 2012 quando ho cambiato ufficio e per lo stress ho accumulato adipe e ansie, in un anno in cui dovrò cambiare di nuovo ufficio mi sembra il proposito giusto.

3. Non addormentarmi più sul divano davanti a un film e svegliarmi alle due restando insonne per il resto della notte e, se accadrà, utilizzare il resto della notte per scrivere...anche se di solito leggo, che poi non è male neanche leggere, anzi.

4. Non farmi stressare dal lavoro, come se fosse facile, ma ci proverò.

5. Trovare più tempo per scrivere, già adesso è un'impresa, ma possiamo provarci, magari scrivere qualche racconto genere da me piuttosto trascurato.

6. Nel 2016 ho letto ben 38 libri quindi non leggere di più, ma mantenere la posizione, però vorrei leggere almeno un libro di José Saramago. 

7. Fare più movimento e mangiare in modo più sano e fare un viaggio per visitare un posto che non ho ancora visto.

8. Dedicare più tempo a me stessa o, almeno, programmare meglio il mio tempo per fare quello che amo e non disperdere le energie.

9. Mantenere sempre alta la mia pazienza.

10. Non anteporre le esigenze degli altri alle mie, insomma ogni tanto essere un po' egoista aiuta a non farsi schiacciare, ché ogni tanto rischio di fare la fine della frittella.

E per finire vi lascio con due righe di Richard Bach sulla conclusione del suo libro "Il gabbiano Jonathan  Livingston": 
Le storie non si spremono da riunioni e grammatica, ma scaturiscono da un mistero che sfiora la nostra silenziosa immaginazione. Certe domande ci lasciano perplessi per anni, poi una tempesta di risposte arriva improvviso dall'ignoto, frecce di un arco che non abbiamo mai visto.

Non c'entra niente con i buoni propositi, ma siccome ho riletto questo libro nell'ultimo giorno dell'anno questa considerazione in appendice di Richard Bach mi sembrava di buon auspicio per il nuovo anno.

E voi avete buoni propositi, e quanta determinazione avete nel perseguirli?



23 commenti:

  1. I primi tre del tuo elenco mi sono totalmente estranei. Negli altri sette in parte posso ritrovarmici ^^
    Comunque la mia risposta è no, da alcuni anni non faccio più buoni propositi e oltre che superstizioso ho anche smesso di essere scaramantico. Determinato, posso dire di esserlo a sufficienza, anche se forse non lo si è mai fino in fondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah, caro Ivano sei fortunato con i primi tre (l'armadio pieno è soprattutto un problema femminile...) può essere un bene non fare buoni propositi, infatti io avevo smesso, però quest'anno ho seguito l'istinto e ho scritto il post senza starci a pensare troppo, in fondo era un modo per fare ordine nei miei pensieri;-)

      Elimina
  2. Caspita, ma è un gran programma, Giulia. Ti auguro di mantenere alta l'attenzione su questi propositi/obiettivi e ritrovarti a fine anno con un bel "caspita, ce l'ho fatta!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In fondo sono tutti obiettivi che richiedono una buona organizzazione del proprio tempo, non sono sicura di riuscirci sempre ma posso almeno provarci, mi servirebbe davvero tanta determinazione. Speriamo di farcela, almeno in parte!

      Elimina
  3. Mi sembrano ottimi propositi (il 9 è assai impegnativo, però ;-)
    Io ormai ho preso l'abitudine di non impormi troppi propositi per il nuovo anno, tanto già so che se ne programmo troppi fallirò miseramente, e allora tanto vale accontentarsi di pochi ma ottenibili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pazienza nel 2016 è stata tantissima, ho dovuto affrontare molte situazioni pesanti e se non avessi avuto quella non sarei sopravvissuta a un anno difficile sotto molti punti di vista. Per questo la metto tra i miei obiettivi, anche se spero di aver guadagnato qualche bonus dall'anno passato!
      Forse pochi obiettivi ma buoni è il metodo giusto ;-)

      Elimina
  4. Di tutti i tuoi buoni propositi, quello in cui mi rispecchio maggiormente è il n. 2. Ho sempre la scusa che i miei chili di troppo sono dovuti alla tiroide mal funzionante da anni, ma quando mi guardo allo specchio mi viene il nervoso. Ho provato non so quante diete, anche con specialisti ma i ricordi ancestrali di quando eravamo uomini preistorici e quindi richiedevamo adipe hanno il sopravvento. Il n. 4 è un bel match! Ultimamente la pazienza sul lavoro - vedi punto 9. - è ridotta proprio al lumicino, e ho anche esaurito le riserve di umorismo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho sbagliato riquadro...comunque la risposta è nel commento sotto ;)

      Elimina
  5. Evviva Cristina, trovare qualcuno che ha un problema analogo al mio mi rincuora, se ci pensi è un gatto che si morde la coda perchè spesso le mie diete falliscono per stress lavorativo e abuso della mia pazienza da parte di molti (non voglio dar la colpa solo al lavoro). La verità è anche una volta mi muovevo molto di più e forse mangiavo anche meglio, al lavoro spesso mi tocca mangiare di corsa e quasi sempre panini, potessi usufruire di una mensa forse le cose migliorerebbero.

    RispondiElimina
  6. Brava Giulia. Io devo dire che voglio provare a non fare propositi, fosse mai che ...

    RispondiElimina
  7. Quanti buoni propositi! Ti auguro di realizzarli tutti. Io tendo a non definire degli obiettivi per l'anno che inizia. Piuttosto rifletto su quello che è finito e sento cosa mi ha spinta nella direzione giusta, così mi sintonizzo su quella lunghezza d'onda per il prossimo futuro. Tanti auguri! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solitamente anch'io non faccio elenchi di buoni propositi, ma questi sono tutti interiorizzati dentro me. Ottima scelta quella di riflettere sull'anno passato per indirizzare meglio il successivo. Tanti cari auguri anche a te Grazia!

      Elimina
  8. Questo è un elenco grandioso, Giulia!
    Svuotare l'armadio? Un'impresa cui mi riprometto di dedicarmi a ogni cambio di stagione. Proposito bocciatissimo! :)
    Non addormentarmi sul divano? IMPOSSIBILE: ci casco sempre!
    Saramago, ottima scelta.
    Esercizi quotidiani di pazienza: un proposito che non scade mai.
    Le esigenze degli altri, ancora, nella mia famiglia, prevalgono sulle mie: lo accetto di buon grado e aspetto tempi migliori! :)
    E aspetto anche l'improvvisa tempesta di risposte! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fare spazio è un'esigenza comune a noi donne, ieri ho svuotato un cassetto, tanto per cominciare, ho trovato un paio di cose da buttare che mi sono chiesta perchè non le ho buttate prima! Non addormentarmi sul divano sarà un'impresa, ma chissà. La tempesta di risposte, bella verso la considerazione di Bach? Pensa che aveva scritto un capitolo finale che a suo tempo non aveva pubblicato e che ha riproposto in questa ultima edizione, un capitolo quasi profetico. Le risposte arrivano prima o poi, magari nel 2017 arrivano tutte ;-)

      Elimina
  9. qualche tempo fa iniziavo il diario dell'anno nuovo con un elenco di buoni propositi, poi sai per problemi miei ora non ne faccio più, nè di propositi , nè di scrivere sul diario ma mi piacciono molto i tuoi obiettivi!!!! Per l'armadio ho già iniziato portando alla caritas della mia città sporte di vestiti giacconi coperte e tutto quello che può servire a tante famiglie in difficoltà, ecco questo è uno dei buoni propositi che potrei mantenere e impegnarmi
    bacibaci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Portare i vestiti alla Caritas è un'ottima idea, adesso mi informo su quella di Bologna. Anch'io avevo smesso di scrivere gli obiettivi, ma il 2017 avevo voglia di farlo, tanto per predispormi in senso positivo. Bacioni carissima Azzurrocielo!

      Elimina
  10. Questi più che dieci buoni propositi, sono delle vere e proprie sfide!!
    Pure io combatto con quattro chili dal 2012, e sono sempre gli ultimi quattro chili i più difficili! :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aimè quei chili si sono stabilizzati sui miei fianchi e sarà durissima scardinarli, sono quattro anni che vorrei eliminarli, metterli nei buoni propositi è un tentativo per vedere se dichiarandoli così miglioro la determinazione...in bocca al lupo anche a te, magari facciamo il punto verso l'estate ;-)

      Elimina
  11. Sai che potrei prendere i tuoi 10 punti e fare un bel copia incolla sul mio blog?
    Sul 1 devo dire che l'ho già fatto in questi giorni di vacanza, anzi mi è preso un trip di quelli che spaventano mio marito e miei figli. Tirato fuori tutto, dico tutto, dalle camere, dalla cucina e dalla sala, tipo quando fai trasloco. Ora nel mio nuovo ordine sto di un bene, spero solo che duri il più possibile...
    In bocca al lupo per i tuoi propositi! :)

    RispondiElimina
  12. Bravissima, fare ordine nell'armadio è un po' come fare ordine nella propria vita, è un fatto mentale... copia pure i miei propositi poi facciamo il punto a metà anno, tu sei già in vantaggio con il primo punto ;-) aimè io i primi giorni dell'anno ne ho approfittato per scrivere, poi ieri sono rientrata al lavoro e quindi il tempo è ridotto. Comunque viva il lupo per i miei propositi :-)

    RispondiElimina
  13. Il punto 3 è un dramma per me... se per caso mi addormento sul divano, poi quando mi risveglio addormentarmi nel letto è un'impresa, perché il cervello ormai si è riposato e non fa che pensare e pensare, tenendomi sveglio...
    Scrittura e blog... stendiamo un velo pietoso, che è meglio..
    Per quanto riguarda il lavoro, quest'anno dove lavoro principalmente ne ho visto/subite/accettate fin troppe, purtroppo alle volte bisogna anche venire a patti col mondo reale, che non è come ci piacerebbe fossero le cose. Però sono contento di essere riuscito ad ampliare le mie committenze, questo è il mio unico proposito verso il 2017.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora non sono l'unica a crollare sul divano e restare insonne, aimè :-(
      I compromessi ci sono sempre, soprattutto nel lavoro, serve trovare il giusto equilibrio per non soccombere, ma capisco che non è facile, in ogni caso ci si prova. In bocca al lupo per il tuo 2017!

      Elimina