lunedì 18 aprile 2016

Storia in sei parole #6 – Parole intraducibili: Lutalica


Accogliendo l'invito di Michele dal suo blog Scrivere per caso ho deciso di partecipare al blog tour delle sue rubriche le cui tappe le potete trovare qui
Ho approfittato per aderire alla rubrica che prediligo "Storia in sei parole"
La potenza di questa rubrica è la possibilità di raccontare una storia in sole sei parole proponendo un tema preciso. Pensate che sia possibile dipingere una storia con sole sei parole?
Non è affatto semplice ma è possibile, sei parole per evocare la trama di un romanzo, trasmettere l'emozione e il brivido di quella storia.

Si può partire da una tematica che ci sta a cuore o semplicemente da una parola intraducibile, io ho scelto quest'ultima che casualmente tocca anche un argomento a me sempre caro.
La parola intraducibile che vi propongo (in realtà me l'ha suggerita Michele, ma io l'ho subito accolta) è Lutalica.
Cosa vuol dire? Con questo termine si intende quella parte della nostra identità che non si adegua alle etichette che ci hanno appioppato fin dalla nascita. E queste etichette ce le vogliamo proprio scrollare di dosso con ogni mezzo, è un tema che ho spesso trattato nelle storie che racconto. 
Vi capita mai di sentirvi soffocare da quello che gli altri si aspettano da voi? Io molto spesso e quando posso mi ribello, almeno nei settori della vita in cui mi è permesso farlo. 
 
Ecco le mie sei parole: «non posso essere come mi vuoi».

E voi che storia proponete ?

39 commenti:

  1. Mi faccio beffe delle vostre gabbie.

    Buongiorno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon giorno! mi piace questa frase-storia :-)

      Elimina
  2. Per ogni etichetta una sbarra. (S)fuggirò?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne ho pensata un'altra:
      Inconsapevolmente avvolta nelle vostre gabbie invisibili.

      :-)

      Elimina
  3. Guardo le etichette solo nei vestiti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto mi sbagliate sempre la taglia! ;)

      Elimina
    2. Etichetta con taglia: "Vivo o morto"!

      Elimina
    3. Bellissime!
      ah le taglie dei vestiti, croce e delizia :-)

      Elimina
  4. Una, nessuna, centomila. Trova quella giusta.

    Adesive come post-it. Si riattaccano. Altrove.

    ...e buon lunedì! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buon inizio settimana e benvenuta nel mio blog Barbara!

      Elimina
  5. Che bello questo tema, sarà argomento anche del mio prossimo post! :-)


    Io voglio solo essere me stessa.

    La società vuole plasmarmi: io scappo.

    Il mondo ideale è senza giudizi.

    Non c'è vita dove si sparla.

    Buon lunedì! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buon lunedì! davvero belle, concordo su tutte, ma quella del mondo ideale è fantastica :-)

      Elimina
    2. Il pregiudizio è un'arma pericolosa

      Elimina
    3. ah Marina, anche questa è una storia sempre attuale!
      bravissima

      Elimina
  6. Non ho bisogno di dimostrare niente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sono quello che penso, sempre.

      mi è venuta così...

      Elimina
  7. Colpite di etichette? Morirete di etichette!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Etichette: sono le ultime a morire

      Elimina
    2. Si consiglia lavaggio a secco, sempre.
      *_*

      Elimina
  8. Cara Giulia, che meraviglia: nelle pause anziché fumare, io invento frasi a sei parole! :)
    Tra uno scatolone e l'altro m'arricrio: vedi? Mi siedo e scrivo! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sicuramente è meglio inventare frasi che fumare :D

      Elimina
    2. Meglio inventare frasi che sistemare sto casino di casa nuova, ché non ho mai fumato in vita mia! :P

      Elimina
  9. L'argomento mi piace molto, e proprio oggi pensavo all'etichetta che mi sono dato, con cui mi sono presentato e che adesso sono un po' stanco di sentirmi addosso.
    Felicissimo di proporre il consueto trittico, e di essere passato a trovarti :)

    Accetta come sono, come faccio io.

    Di centomila immagini non incarno riflesso.

    Vivimi, non descrivermi, sarò davvero tuo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie di essere passato!
      se sei stanco della tua etichetta potresti provare a cambiare... colore ;-)

      Elimina
  10. Risposte
    1. Un tema terribilmente attuale!
      Le differenze possono donare molta creatività.

      Elimina
  11. Non hai capito niente di me.
    O mangi la minestra o… tiè.

    RispondiElimina
  12. Mi accettano come legna da ardere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emblematica e terribilmente evocativa la tua storia ;-)

      Elimina
  13. Non inventarmi. Guarda, ascolta chi sono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella questa tua storia, esprime davvero un mondo.

      Elimina
    2. Grazie Giulia! ^_^

      Altra storia in sei parole:

      Incredibile! Questo non è da te.

      Elimina
    3. Prego *_*
      Storie che fioriscono sui pregiudizi prevalenti ...
      Altra storia di 6 parole

      Elimina
  14. Che bella parola hai scelto, Giulia! Brava! (Anche se hai avuto la soffiata).

    Chi dice donna non dice danno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La parola suggerita da Michele sembrava fatta apposta per me!
      Sì chi dice donna non dice danno ma magari dono...
      Buona giornata Lisa :-)

      Elimina
  15. Vada come vada, non avrò rimpianti.

    RispondiElimina