domenica 20 settembre 2015

Il tempo è la cosa più preziosa che (non) ho


"Esiste al mondo una cosa più ragionevole di una lancetta dei secondi? Ma a insegnarci la malleabilità del tempo basta un piccolissimo dolore, il minimo piacere. Certe emozioni lo accelerano, altre lo rallentano; ogni tanto sembra sparire fino a che in effetti sparisce sul serio e non si presenta mai più. Julian Barnes"
Il tempo, mi sembra di averne sempre meno.
Non nel senso del tempo della vita, quello può saperlo solo Dio, ma parlo del tempo quotidiano che cerchiamo di dedicare alle nostre principali attività.
Io cerco di strappare un paio di ore al giorno, di solito serali, da dedicare alla scrittura, non sempre ci riesco. C’è spesso qualcuno che tenta di “distrarmi” e soffro, divento ansiosa perché sento che passano i giorni e non riesco a fare neanche un decimo di quello che vorrei fare.
La mia attività lavorativa è ricominciata a pieno regime, uscire in orario dal lavoro è già ridiventata una chimera e quindi mi sento oppressa dalla mia stessa vita.

Dopo questa premessa voglio raccontarvi gli eventi di questa ansiosa settimana nel corso della quale ho imparato tante cose interessanti.
Grazie a una segnalazione ricevuta su facebook ho imparato che nella tastiera italiana nel Word non ci sono le virgolette caporali e che per farle è necessario pre impostare i simboli.

<<esempio 1>> invece che «esempio 2»
Notate la differenza, vero? Il primo esempio non è più replicabile perché adesso ho impostato i simboli nel Word del mio notebook.
È fantastico, prima non lo sapevo, ora sì.

Poi, grazie al blog di Michele, Scrivere per caso Acchiappami e a tutti i commenti ricevuti, nonché ai brevi approfondimenti da me fatti successivamente in rete, ho scoperto la differenza chiara e inequivocabile tra sinossi e quarta di copertina. Quante cose si danno per scontate, si pensa di sapere e invece bisogna approfondire, sempre. E avere il tempo per poterlo fare serve molto, tanto per restare in tema.
La “sinossi” è una sintesi accurata del romanzo, utile al fine di presentare il proprio manoscritto all’attenzione di un editore.
La “quarta di copertina” è il testo che figurerà in quarta di copertina, appunto,  e sugli store on line. A differenza della sinossi, non coincide necessariamente con una sintesi minuziosa della trama. Il suo scopo è quello di suscitare la curiosità del potenziale lettore.
Quindi non è il caso di svelare troppi dettagli e soprattutto non è il caso di rivelare il finale, nella sinossi si può fare per dare una precisa idea all’editore di quello che andrà a leggere, se vorrà farlo, e pubblicare, se sarà convinto.
Nella quarta di copertina no, perché il potenziale compratore deve incuriosirsi, ma non deve conoscere tutti i particolari della trama altrimenti  probabilmente perderebbe interesse per il libro. Ora sta nello scrittore o nell’editore, se si ha la combinazione di averne uno che ti prende sotto la sua ala,  saper scrivere una quarta di copertina accattivante e capace di suscitare la curiosità del lettore al punto da fargli comprare il libro o, nel caso degli e book, almeno scaricare l’estratto gratuito che potrebbe fargli decidere di acquistare.
Sinossi e quarta di copertina hanno quindi scopi diversi e per questo sono differenti.
Anche se può essere facile cadere in confusione, ed è quello che è successo a me, perché negli store on line su Amazon la parte descrittiva del libro si chiama “Sinossi” mentre su ibooks si chiama “Descrizione del libro” e su googleplay si chiama semplicemente “Descrizione” quindi come vogliamo chiamarla? Sinossi breve e Sinossi lunga a seconda del destinatario?
Non ha importanza, quello che davvero conta è averne afferrato il senso e lo scopo.

 

Poi sempre questa settimana ho imparato che, anche se percorri una strada con la tua auto con tutta la prudenza possibile e a velocità moderata e hai diritto di precedenza non è detto che te la diano (la precedenza intendo). E può accadere che qualcuno si catapulti sulla tua auto facendoti un certo danno, così mentre stavi cercando di tornare a casa in orario con una lista di cose urgenti da fare (per esempio la spesa al supermercato perché il frigo era vuoto e disperato) ti ritrovi a compilare moduli quasi indecifrabili dove inserire informazioni da reperire al volo cercando nel cruscotto, mentre tenti di mantenere la calma e non maledire il destino che ti ha portato su quella strada. E sai già che il tempo che ti serviva si sta volatilizzando e pensi che non avrai modo di preparare il post, né di continuare con il lavoro di revisione cominciato oltre un mese fa e che, a volte, vorresti soltanto un giorno, solo un misero giorno alla settimana nel quale alzarti la mattina e non dever correre al lavoro, o fare le pulizie né la spesa né accompagnare qualcuno da qualche parte, insomma un giorno tutto tuo nel quale poter fare quell’unica cosa che vuoi fare cioè scrivere.
Poi vorrei anche un giorno in cui rilassarmi e godermi una piccola fetta di tempo libero, ma forse è pretendere troppo.

Scusate se in questo post ho mescolato diversi argomenti parlando del tempo, delle sinossi e dei miei  imprevisti automobilistici, ma anche questa confusione è frutto del tempo che non ho.
E voi che rapporto avete con il tempo?

16 commenti:

  1. personalmente ora ho un rapporto strano col tempo. Per 18 mesi ho dovuto occupare quasi tutto il tempo ad occuparmi di me stessa per cercare di salvarmi la vita. A fine terapie ho dovuto riconvertire questo tempo che mi è stato ridato indietro e ancora sto cercando di farlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La malattia cambia il rapporto con il tempo, ma fa capire meglio il suo valore, del tempo e della vita. È una nuova consapevolezza. Può considerarsi un aspetto positivo.

      Elimina
  2. Parli a me di tempo che vivo con le lancette dell'orologio sempre sotto gli occhi! Ritagliarmi un pizzico di spazio per curare i miei interessi è uno slalom fra impegni domestici, corri qui corri là dietro ai figli, prendi e lascia modello taxi... E la scrittura? Un mordi e fuggi continuo!
    Dunque, si dice mal comune mezzo gaudio! :)

    P.s. Mi dispiace per il piccolo guaio con la macchina! Quando il diavolo ci mette la coda...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo nella stessa barca, con i bambini poi deve essere un vero delirio.
      Avere l'auto da riparare aggiunge un nuovo problema, per qualche giorno dovrò girare senza, diavolaccio infame! :-(
      almeno non ci siamo fatti male che sarebbe stato peggio...

      Elimina
  3. Quando ho letto che non hanno dato la precedenza mi sono presa un colpo. Ma da quello che ho capito, non ci sono state conseguenze per te, insomma stai bene... giusto?
    Il tempo è sempre troppo poco anche per me, anzi più vado avanti con l'età e più mi sembra che corra troppo veloce. L'ansia prende anche me in continuazione, quando vedo che mi propongo di fare 10 cose e ne faccio meno della metà. E la scrittura viene spesso sacrificata :(
    Proviamo a stare più serene... magari aiuta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria Teresa, sì sto bene, per fortuna nessuno si è fatto male, anche perché io andavo piano, soprattutto in città rispetto i limiti di velocità, al contrario di altri...l'auto è messa peggio, però va bene così, ormai, la sistemerò.
      Chissà perché corriamo sempre tanto, a me sembra che fare le cose, anche quelle apparentemente semplici, sia diventato sempre più complicato al lavoro, nella vita, tutto sembra assorbire energie e tempo. Comunque la parola "calma" è diventato il mio nuovo mantra. ;-)

      Elimina
  4. Ciao Giulia, grazie per la citazione.
    "Acchiappami" l'ho proposto proprio perché, tutti insieme, sia più facile imparare e correggere quegli errori che altrimenti nessun'altro ci additerebbe, lasciandoci a sguazzare nell'ignoranza e nel dubbio.
    Per quanto riguarda il tempo, anche io sono uno di quelli sempre in rincorsa; però vorrei segnalarti questo bel racconto (non mio, per carità!) https://purtroppo.wordpress.com/2015/02/18/se-solo-avessi-tempo/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti caro Michele è stato utilissimo, a proposito benvenuto nel mio blog!
      Il tuo post “acchiappami” è stato davvero interessante e istruttivo, del resto mi sono messa in gioco proprio per capire l’impatto della mia descrizione /sinossi breve.
      Appena potrò la aggiornerò con i miglioramenti da voi suggeriti (per esempio le ripetizioni da togliere) 
      Riguardo al tempo andrò a leggere il racconto, grazie per il suggerimento!

      Elimina
    2. Ho letto! Racconto interessante, la morale quindi è: il tempo non basta mai e se ne avessimo di più non basterebbe comunque, tanto vale rassegnarsi e farsi bastare quello che si ha. ;-)

      Elimina
  5. pessimo.
    sono una che arriva puntualmente, in ritardo con le proprie aspettative...
    ...e non vivo nemmeno benissimo l'idea di tempo in generale, mi sento già vecchia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Pata
      Mi piace moltissimo questa tua espressione ”una che arriva puntualmente in ritardo con le proprie aspettative”
      Condivido molto e spesso mi sento anch’io cosi ;-)

      Elimina
  6. Mi vergogno un po' a dirlo, ma soffro di mancanza di tempo anche adesso che non lavoro. D'accordo che ho un marito, un figlio, un cane e una casa, più una mamma da tenere d'occhio, ma non mi sembra una situazione così terribile. Invece mi ritrovo a lottare con i ritagli di tempo, e conosco bene la frustrazione di cui parli. Mi sono fatta l'idea che il tempo sia come quelle vecchie borse della spesa a rete, le hai mai viste? Mettici dentro poco, mettici dentro molto, sempre aderenti restano. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che anche tu hai parecchio da fare :-) Le borse della spesa a rete? Sì le ho presenti. Io penso che il tempo riusciamo sempre a riempirlo, soprattutto se abbiamo la passione della scrittura. Come il racconto suggerito da Michele (vedi il link nel suo commento) se avessimo ogni giorno delle ore in più dopo un po' diventerebbe insufficienti anche quelle. Insomma non resta che rassegnarsi e disporre del tempo che si ha con serenità ... o almeno provarci.

      Elimina
  7. Ci sono i tasti di scelta rapida però...
    alt+174= «
    alt+175= »
    Scelta rapida, si parla sempre di tempo.
    Col tempo ho un rapporto conflittuale, vorrei fare tutto e, nel dubbio, finisco per non combinare nulla. Inizio tantissime cose che poi non porto mai a termine, e a risentirne è l'appagamento personale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fantastico, grazie del suggerimento e benvenuto nel mio blog!
      Sì anch'io vorrei fare molte più cose, ma mi do delle priorità altrimenti soccombo :-)

      Elimina