martedì 1 settembre 2015

Settembre

Ahi settembre, mi dirai, quanti amori porterai … cantava Alberto Fortis parecchi anni fa

 
Settembre è un mese che mi dona sempre una strana malinconica inquietudine
Sarà l'avvicinarsi dell'autunno, il rientro alla quotidianità
Saranno le giornate che si accorciano e le ore di luce che diminuiscono
Sarà il ricordo dei primi giorni di scuola e il sapore dell’infanzia
Sarà l’aria più fresca e il cielo più azzurro
Ma nonostante l’aria malinconica si apre nel cuore anche una gioia leggera e un senso di liberazione,
da cosa bene non so,
forse dalla cappa del caldo e dalla frenesia dell’estate.
È comunque un mese che ho sempre amato perché mi dona serenità.
E mi viene spontaneo fare il punto della mia vita e dell’anno che volge al suo ultimo quarto.
Mi vengono in mente buoni propositi per l’inverno che quasi sicuramente non rispetterò.
Ritorno con il pensiero ai viaggi brevi di fine estate che vorrei ripetere e che probabilmente non farò. 
E a settembre la mia mente ripropone per l’ennesima volta la poesia
Autunno di Vincenzo Cardarelli che puntualmente riecheggia a memoria dentro di me
e che secondo me è bellissima.

 
 
Già lo sentimmo venire nel vento d'agosto,
nelle piogge di settembre torrenziali e piangenti
e un brivido percorse la terra
che ora, nuda e triste,
accoglie un sole smarrito.
 
Ora passa e declina,
in quest'autunno che incede
con lentezza indicibile,
il miglior tempo della nostra vita
e lungamente ci dice addio.
  

10 commenti:

  1. Settembre significa fine dell'estate e già questo punto, da solo, non mi piace per niente. Perché dopo settembre il sole si fa corteggiare un po' troppo lasciando che il freddo la faccia da padrone. Sob!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, un po' di malinconia viene anche a me. Io vorrei un settembre lungo un anno o almeno sei mesi, magari fino a marzo... però se non ci fosse l'inverno forse non riusciremmo ad apprezzare tanto l'estate. ;-)

      Elimina
  2. settembre = liberazione dal caldo afoso. E questo già basta.
    Ricordo la canzone di Fortis

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, l'aria più leggera diventa più dolce e piacevole.

      Elimina
  3. Non più adesso, ma io ho sempre vissuto il mese di settembre come fine dell'estate e INIZIO DELLA SCUOLA: malinconia, nostalgia, montagna davanti fino all'estate successiva. Paradossalmente adesso vivo questo mese come una liberazione dalla schiavitù dei figli che...ahah, iniziano loro la scuola!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah... È un giusto cambiamento di prospettive, con un diffuso senso di liberazione.
      A me non dispiaceva del tutto tornare a scuola ( sì l'idea dell'inverno da affrontare mi disturbava) ma mi piaceva l'odore nuovo dei libri di scuola e ritrovare i compagni di classe.

      Elimina
  4. Hai ben descritto il mix di sensazioni che accompagna questo mese, che comunque anche a me piace molto. E' un periodo di riflessioni, di progetti, di interiorizzazione, lontani dal caos e dal caldo dell'estate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria Teresa,
      interiorizzazione mi piace molto. Settembre è un misto di malinconia sottile e leggerezza inconsapevole.

      Elimina
  5. Settembre è uno dei miei mesi preferiti. In pratica lo sento come inizio anno, con relativi buoni propositi e bonus di energia. Se poi è di sole e giornate fresche e limpide, come capita spesso qui vicino alle montagne, vado in estasi! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che anch'io lo sento come un inizio di anno, ma in forma molto più leggera rispetto a gennaio, forse perché dopo l'estate l'energia positiva è maggiore. :-)

      Elimina